skip to Main Content

Il restauro del metodo perpetuo
Questa speciale riserva di Vecchio Samperi inizia il suo percorso d’invecchiamento proprio nel 1978, quando Marco De Bartoli ripristina il metodo “perpetuo” o Solera nel Baglio di Samperi, per produrre il vino tradizionale della zona, detto localmente stravecchio, all’origine del più famoso vino Marsala.

Come e quando il Vecchio Samperi Quarantennale.
Da non relegare alla fine del pasto, da abbinare anzi a
formaggi stagionati, a carni brasate, rombo al forno, bottarga e ostriche.
A temperatura ambiente o leggermente freddo, interessante e
sorprendente come aperitivo.

bottiglia Vecchio Samperi Quarantennale

Le Radici: il Vecchio Samperi
Per la produzione del Vecchio Samperi Quarantennale viene utilizzato il tradizionale sistema perpetuo, anche detto Solera, secondo cui vini di fresca produzione vengono aggiunti a botti contenenti vini già invecchiati. Per celebrare i quarant’anni dalla fondazione dell’azienda, abbiamo deciso di imbottigliare una delle prime riserve prodotte, con una media di invecchiamento di 40 anni.

Grillo 100%
3.500 ceppi per ettaro con radici che hanno origini negli anni ’70 nel territorio di C.da Samperi, a Marsala (pianeggiante di medio impasto, sabbioso-calcareo). Piante ad alberello e contro-spalliera Guyot, 20 hl di resa per ettaro vendemmiati l’ultima decade di settembre. Selezione manuale delle uve, spremitura soffice, sedimentazione naturale, fermentazione tradizionale in fusti di rovere e castagno a temperatura ambiente. Invecchiamento per una media di 40 anni, utilizzando il tradizionale metodo perpetuo

Back To Top